Cristina Coglitore - Ideatrice Prodottinliberta.it

Cristina Coglitore

Cristina ha collaborato per alcune delle maggiori testate giornalistiche italiane. Poi ha deciso di cambiare attività creando un portale di informazione e di collegamento tra i carcerati, le imprese e le cooperative sociali.

Nome: Cristina Coglitore
Età anagrafica: 53
Città: Pavia
Precedente lavoro: sono giornalista professionista prima interna, poi free lance. Ho chiuso qualche anno fa, da quando non c'è più lavoro per giornalisti, se non gratuito!
Attuale lavoro da wwworker: da due anni ho creato www.prodottinliberta.it (con l'aiuto di Matteo Curto come web director). E' un sito di informazione sul lavoro in carcere, punto di incontro delle cooperative sociali che lo sostengono alla ricerca dei consumatori attenti a quel che comprano. Ancora oggi...l'iniziativa è no profit!
Cos'è in un tweet: la creatività nasce in carcere
In cosa consiste il lavoro: il mio lavoro consiste nel rimanere informata sul tema, nel contattare le cooperative sociali che lo animano e i potenziali consumatori, mettendoli poi in contatto. Ho un blog su linkiesta e il sito viene ripreso da blogdellagiustizia.it
Compenso/profitto: l'iniziativa è no profit
Potenzialità riscontrate dal lavoro in rete: tante. ci vorrebbe più tempo, più persone e anche un po' di retribuzione
Problematiche riscontrate dal lavoro in rete: al momento..nessuna!
Slogan/motto: ho la testa dura
Segni particolari: eclettica

Ciao Cristina. Nel tuo lavoro da giornalista parlavi spesso di lavoro. Quando hai cominciato ad interessarti del lavoro dei detenuti?
Il tema che mi sono scelto non era in voga fino a pochissimi mesi fa. Più che altro poi ora si parla di condizioni pietose di detenzione, sovraffollamento e di suicidi. Il lavoro dei carcerati è per me (anzi per la Costituzione) la leva su cui incidere positivamente: formare e occupare equivale a una speranza di vita futura. E' l'unica via per abbassare le recidive a favore di tutti: carcerati, società civile e casse dello Stato.

Raccontaci di più sul collegamento che avete con le cooperative sociali. In che modo collaborate?
Chiedo alle cooperative sociali e associazioni che a vario titolo si occupano di lavoro in carcere di aderire idealmente al progetto Prodotti in libertà mettendole in contatto con persone singole, negozi, gruppi di acquisto desiderosi di informazioni sull'attività svolta nelle diverse carceri.

Vendete anche i prodotti oppure anche il tuo è volontariato?
Al momento non vendiamo niente ed il nostro lavoro è ancora puro volontariato. 

Perché lavorare con chi sta scontando una pena, cosa ti spinge a farlo?
Se ci fosse più lavoro per i carcerati i detenuti troverebbero impiego una volta usciti e la delinquenza diminuirebbe...cosa che farebbe comodo alla società civile oltre che ai carcerati. Con il lavoro la recidiva cala dall'80 al 7%.

In che modo sfrutti il web per il tuo lavoro?
Il web mi mette in contatto velocemente con quel che succede nelle carceri e nel mondo: con le cooperative, con i possibili consumatori, con l'informazione.

Ti definisci giornalista o wwworker?
Mi definisco wwwgiornalista!


logo camp 2018

Il libro dei wwworkers

libro1Wwworkers (Gruppo24Ore) è un manuale scritto da Giampaolo Colletti, con la prefazione di Andrea Rota (eBay) e la postfazione di Luca Tremolada (Sole24Ore).

Il libro degli artigeni

libro ArtigeniSEI UN GENIO! è il nuovo libro di Giampaolo Colletti edito da Hoepli. Racconta la rivoluzione degli Artigeni con 150 storie di artigiani e lavoratori dalle idee geniali. Acquista online

wwworkers su Metro

Metro 08062016 tagliata

Leggi gli articoli su Metro

wwworkers su Millionaire

Millionaire Giugno
Leggi gli articoli su Millionaire

I wwworkers sono raccontati su

fatto-quotidiano metro nova-24 millionaire