Giuseppe Simone - Gallerista

GiuseppeSimone home

 

Giuseppe ha sempre avuto una grande passione per l'arte. Nel 2006, dopo aver perso il lavoro, con coraggio e passione ha aperto e-veniceart.com, la sua galleria d'arte "permanente e distribuita". Ecco la sua storia.

Nome:  Giuseppe Simone
Età anagrafica: 53
Città: Venezia
Formazione di partenza: perito elettronico, programmatore e laurea in lingue straniere a cui ho sempre affiancato una grande passione per l’arte
Lavoro precedente: responsabile di una galleria d’arte
Attuale lavoro da wwworkers: fondatore titolare di e-veniceart
Cos'è il lavoro in un tweet: archivio/galleria on-line
In cosa consiste il lavoro: reperimento e selezione di arte contemporanea multipla originale, digitalizzazione fotografica, catalogazione e pubblicazione su E-veniceart.com e mie piattaforme di e-commerce
Compenso/profitto: quanto basta a coprire le spese per vivere e seguire a implementare il sito
Potenzialità riscontrate dal lavoro in rete: la visibilità internazionale immediata
Problematiche riscontrate dal lavoro in rete: il digital divide  e  la diffidenza degli utenti italiani a comprare on line
Il tuo slogan/motto: sbagliando s’impara
Segni particolari: visionario cittadino del mondo

Come sei passato dal tuo vecchio lavoro a e-veniceart.com?
La crisi attuale dura da anni: nel 2006 mi sono trovato senza lavoro. Alcuni galleristi mi hanno dato in conto vendita dei resti di magazzino: grafiche un po’ rovinate e vecchi manifesti vintage. Le mie competenze linguistiche, fotografiche e informatiche e la mia passione per l’arte, mi hanno spinto a verificare le potenzialità della vendita on-line.

Perché e-veniceart?
La rete è il mio target esclusivo che include il mercato italiano e quello internazionale. Perciò: “e” rappresenta l’esclusività di una vendita on line. Venice invece sta per Venezia (che ha un carisma particolare nel mondo dell’arte),  ma anche “even nice art”, gioco di parole che vorrei usare quando troverò il contesto giusto, che significa “addirittura arte bella”.

Oltre al tuo sito utilizzi altre piattafome per la vendita online? E come sta andando?
Su eBay si svolge anche gran parte del mio lavoro: il meccanismo del feedback inventato dal creatore di eBay è la grande intuizione innovativa che permette di avere la fiducia di un acquirente sconosciuto. Sto raggiungendo i 4000 feedback, 100% positivi.

Quali sono i principali step che ti hanno portato ad aprire un partita iva e creare così un vero e proprio lavoro?
Tempo fa cominciai a comprare delle vedute di Venezia e incisioni dell’ottocento dagli Stati Uniti: certe erano false, altre autentiche. Al contempo iniziò una  bella amicizia con un intellettuale veneziano che negli anni ‘60 amava i manifesti e la Pop art.

E poi?
Avevo un buon computer e una macchina digitale e cominciai direttamente da questo sito di e-commerce; ben presto mi resi conto della necessità di regolarizzare la mia posizione e creare una banca dati che alimentasse la mia attività di vendita.

Problemi di qualche genere?
Data la tipologia del mio settore, il passaggio da delle regole non scritte ma usuali è tutt’ora in parte in corso. Il sistema razionale e tracciabile della rete, è un handicap notevole: la descriverei come una battaglia generazionale. E’ scontato che l’innovazione infranga delle regole, scritte o non.

In seguito come è andata invece?
L’inizio è stato duro, soprattutto nel trovare un’assistenza professionale fiscale e contabile adeguata. In quegli anni la rete era un “Far West” dove si rispecchiavano certi usi e costumi italici. E’ stata dura trovare un commercialista che comprendesse le mie specifiche problematiche. Ora va meglio ma il dazio, inteso come i costi strutturali e tecnici per commerciare in rete, sommato al regime fiscale italiano, lasciano pochissimi margini di guadagno. Per questo mi rispecchio completamente nel manifesto di wworkers.it.

Cosa vuol dire che la tua è una galleria "permanente e distribuita"?
Qui ci inoltriamo in un aspetto più tecnico:

- “permanente” perché e-veniceart è innanzi tutto una banca-dati d’informazioni artistiche; il sito è gestito da un software in maniera dinamica con un back-office che  permette di decidere se pubblicare o meno un’opera. Quindi permanente perché, anche se non visibile in rete, l’opera resta presente all’interno della banca-dati.

- “distribuita”: questa è una funzionalità del software messa a punto, non posso non citarlo, dal mio bravissimo web-master Dott. Umberto Nensi, che permette a più gallerie di caricare le proprie opere in e-veniceart.

 Hai consigli da dare ai futuri wwworkers?
Se le informazioni che immettete in rete hanno un valore, l’avranno di conseguenza le informazioni che riceverete.


banner sito 2017

Il libro dei wwworkers

libro1Wwworkers (Gruppo24Ore) è un manuale scritto da Giampaolo Colletti, con la prefazione di Andrea Rota (eBay) e la postfazione di Luca Tremolada (Sole24Ore).

Il libro degli artigeni

libro ArtigeniSEI UN GENIO! è il nuovo libro di Giampaolo Colletti edito da Hoepli. Racconta la rivoluzione degli Artigeni con 150 storie di artigiani e lavoratori dalle idee geniali. Acquista online

wwworkers su Metro

Metro 08062016 tagliata

Leggi gli articoli su Metro

wwworkers su Millionaire

Millionaire Giugno
Leggi gli articoli su Millionaire

I wwworkers sono raccontati su

fatto-quotidiano metro nova-24 millionaire