Lorenzo Ginanneschi - Liutaio

lorenzo ginannischi

Un lavoro antico ma che Lorenzo, 43 anni da Firenze, ha adattato alle esigenze del mercato moderno. Oggi Lorenzo ha aperto la sua bottega artigiana anche online garantendo un servizio veloce e personalizzato

Nome: Lorenzo Ginanneschi
Età anagrafica: 43
Città: Firenze
Formazione di partenza: studi scientifici e musica
Lavoro precedente: liutaio da 27 anni
Attuale lavoro da wwworkers: lutaio online su Giniski
Cos'è il lavoro in un tweet: per i fortunati come me è esprimersi facendo ciò che piace
In cosa consiste il lavoro: costruzione, assistenza, riparazione, modifica di strumenti a corda a plettro: chitarre, bassi elettrici ed acusti ed annesi elettronici
Compenso/profitto: sono della generazione 1000 € più o meno
Potenzialità riscontrate dal lavoro in rete: visibilità e quindi accesso a un mercato più ampio
Problematiche riscontrate dal lavoro in rete: troppa concorrenza dei "so fare tutto io della domenica mascherati da professionisti": confondono il mercato e fanno disinformazione. E poi l'anonimato di chi vuole approfittarsene
Il tuo slogan/motto: il 90% del lavoro lo si fa con la mente prima di cominciarlo fisicamente
Segni particolari: creativamente preciso, mai pignolo

Ciao Lorenzo. Com'è nata l'idea di diventare liutaio?
In realtà sono anni che svolgo questo mestiere. Ovviamente il progetto si è evoluto ed è cresciuto negli anni.

Una professionalità che è stata più volte premiata come eccellenza.. 
Si, sono arrivati alcuni riconoscimenti. Personalmente penso che ci abbiano premiato perché non facciamo solo il nostro lavoro ma perché lo facciamo davvero con il cuore: studiamo le soluzioni migliori per i nostri prodotti facendo affidamento ai pareri dei musicisti e non solo dei tecnici.

Perché? Qual è la differenza?
Ti faccio un esempio: il nostro prodotto di punta è Dragoon, una cassa musicale che viene utilizzata nei concerti. Per il periodo di sviluppo di questo oggetto non abbiamo aspettato che qualcuno lo certificasse ma lo abbiamo fatto usare a musicisti modificandola secondo le loro esigenze.

Però, prima di arrivare a tutto questo, come tutti, avete avuto un punto di partenza.  Cosa vi è stato utile in fase di startup?
Per quanto riguarda la fondazione dell’impresa non è stato dal nulla. Abbiamo iniziato lentamente e l’impresa è cresciuta pian pian quindi la burocrazia non ci ha frenato molto.  Riguardo alla seconda domanda, ciò che ci ha aiutato sono state le nostre famiglie e un po' di sana incoscienza giovanile!

Cosa significa oggi per te aver digitalizzato l'impresa?
Per noi digitalizzarsi non vuol dire solo aumentare la produttività: se prima in una giornata riuscivo a fare 5 ed oggi nello stesso tempo posso potenzialmente fare 10 il risultato è avere più tempo libero. 

Prossimi passi?
Sicuramente dopo esserci radicati in Italia il nostro prossimo obiettivo sarà espandere il nostro artigianato made in Italy anche all'estero. 


Il libro dei wwworkers

libro1Wwworkers (Gruppo24Ore) è un manuale scritto da Giampaolo Colletti, con la prefazione di Andrea Rota (eBay) e la postfazione di Luca Tremolada (Sole24Ore).

wwworkers su Metro

Metro 08062016 tagliata

Leggi gli articoli su Metro

wwworkers su Millionaire

Millionaire Giugno
Leggi gli articoli su Millionaire

I wwworkers sono raccontati su

fatto-quotidiano metro nova-24 millionaire