Mariarita Costanza - Imprenditrice

mariaritacostanza

“Siamo l’esempio di come sia possibile costruire un’azienda informatica anche in un paese lontano dalle grandi reti urbane, solo grazie alle infrastrutture immateriali”. Parola di Mariarita Costanza, imprenditrice e mamma a Gravina di Puglia

Nome e cognome: Mariarita Costanza
Città: Gravina in Puglia (BA)
Età anagrafica: 42
Segni particolari: imprenditrice e mamma
Il tuo motto: un sogno è solo un sogno finché non decidi di realizzarlo!
Eventuale precedente lavoro: ingegnere elettronico
Attuale lavoro: direttore tecnico e imprenditrice
Il tuo sito Internet o la tua piattaforma online: www.macnil.it

In che cosa consiste il tuo lavoro? Il core business è quello dell’elettronica, informatica e telecomunicazioni. Ci occupiamo in particolare della progettazione di sistemi integrati wireless/web e di telecontrollo con accesso da remoto via web attraverso i browser, cellulari, smartphone e palmari industriali. Ma di recente siamo attivi anche su progetti di telemedicina
Quali sono le competenze specifiche del tuo lavoro? In qualità di cofondatrice dell’azienda informatica Macnil, ho tutte le responsabilità che competono a un normale imprenditore. Come direttore tecnico, invece, sono il principale referente dello sviluppo dei prodotti e dei progetti sulla telemedicina che sono già stati testati con successo dal Policlinico di Bari.  

Quali sono i tratti caratteristici per riuscire al meglio nel tuo lavoro?
Occorre tanta motivazione e perseveranza nella ricerca, precisione tecnica e il giusto know-how nella produzione dei dispositivi. Inoltre è assolutamente premiante saper scegliere dei collaboratori appassionati e affidabili.

Da un punto di vista dei business come vanno gli affari?Oggi l’azienda ha un portfolio di clienti da tutto il mondo, 2,5 milioni di euro di fatturato annuo e 40 dipendenti, di cui il 70% donne. Per il 2014 puntiamo al mercato estero e all’installazione di almeno 100mila dispositivi satellitari, raddoppiando il fatturato annuo.

Quali sono le potenzialità riscontrate dal tuo lavoro in rete? La rete oggi è una potenzialità per tutti, non solo per le aziende come la nostra. Noi offriamo servizi alle aziende fruibili attraverso un browser, per cui internet è la "materia prima" del nostro lavoro, quando in passato ancora molto piccoli, avevamo il nostro piccolo datacenter in casa e per problemi tecnici non eravamo raggiungibili, è stato un vero problema perché significa disservizio per i clienti. Col cloud oggi queste problematiche sono di gran lunga superate, anzi il cloud ti permette una crescita veloce senza necessità di preoccuparti della infrastruttura.

Quali strumenti digitali adotti nel tuo lavoro? Il mio è un lavoro digitale, qualche volta mi è capitato di dimenticare a casa il mio portatile, bèh in azienda ero bloccata.

Il tuo prossimo obiettivo? Stiamo lavorando a progetti di ricerca nel campo della telemedicina per rendere user friendly le applicazioni esistenti e stiamo investendo importanti risorse per migliorare gli strumenti di assistenza nella diabetologia.

Un consiglio ai giovani imprenditori per lavorare al meglio in rete: noi siamo l’esempio di come sia possibile costruire un’azienda informatica anche in un paese lontano dalle grandi reti urbane, solo grazie alle infrastrutture “immateriali”: sono sufficienti connettività e competenze per sviluppare prodotti informatici e creare così anche nel Sud Italia una piccola Silicon Valley.


Il libro dei wwworkers

libro1Wwworkers (Gruppo24Ore) è un manuale scritto da Giampaolo Colletti, con la prefazione di Andrea Rota (eBay) e la postfazione di Luca Tremolada (Sole24Ore).

wwworkers su Metro

Metro 08062016 tagliata

Leggi gli articoli su Metro

wwworkers su Millionaire

Millionaire Giugno
Leggi gli articoli su Millionaire

I wwworkers sono raccontati su

fatto-quotidiano metro nova-24 millionaire