Paola Polce - Produttrice agri-detergenti

paola polce

Dal mondo della moda a produttrice di agri-detergenti. Paola davanti alla scelta non ha avuto dubbi: "ho scelto di vivere in una splendida valle con sole tre case, di cui una è la mia! Ma con la rete comunico e lavoro col mondo."

Nome: Paola Polce
Età anagrafica: 51
Città: Alice Superiore (Torino)
Formazione di partenza: laureata in storia dell'arte prima e oggi naturopata
Lavoro precedente: indossatrice e consulente nella moda e nella pubblicità
Attuale lavoro da wwworker: produttrice agri-detergenti, co-fondatrice Cascinameira.com con Antonina Maria Botta e Ardian Mullay
Cos'è in un tweet: si tratta di una piattaforma di dialogo e di conoscenza. Presentiamo i prodotti e quelli che c'è dietro
In cosa consiste il lavoro: studio e vendita di agri-detergenti
Fatturato: 120mila euro in un anno (lo scorso 2012) suddiviso tra i tre soci
Potenzialità riscontrate dal lavoro in rete: Internet determina la riuscita di un progetto imprenditoriale
Problematiche riscontrate dal lavoro in rete: le false informazioni che girano sugli argomenti molto specialistici
Il tuo slogan/motto: salviamo la terra con i suoi prodotti
Segni particolari: tenace, ma da sfondamento

Ciao Paola e benvenuto su wwworkers. Ci spieghi cosa sono gli agri-detergenti?
È un nome che abbiamo coniato noi e abbiamo registrato. Sono detergenti per la pulizia della casa realizzati con i prodotti dei campi e con le piante. Abbiamo ideato e produciamo questi detergenti fatti esclusivamente con elementi naturali.

Ci racconti meglio il tuo lavoro e il luogo dove lo svolgete?
La scelta è di avere un rapporto diretto con i clienti, dialogando con loro in rete. Io e i miei due soci viviamo e lavoriamo in un posto meraviglioso. Siamo in Val Chiusella, nel lago di Alice Superiore, laghetto protetto dalla comunità europea e della grandezza di mezzo chilometro di diametro. Qui ci sono solo tre case, di cui una è la nostra. Siamo a sessanta chilometri da Torino. Sembra vicino, ma qui è tutto un altro mondo, siamo su un altipiano a seicento metri di altezza.

Il luogo geografico è importante per questa vostra attività da wwworkers?
Direi fondamentale. Mi sono innamorata di questa terra, di questa comunità di eco-villaggi. Ho conosciuto persone che volevano fare qualcosa di diverso su questo mondo. Ed ecco allora l'avventura: con altri due soci oggi studiamo, produciamo e commercializziamo agri-detergenti. Perchè si può investire in modelli a bassissimo impatto naturale.

Ma come vi è venuta in mente questa idea? Qual è stato il percorso?
Mi sono chiesta di cosa avessi bisogno, e poi l'ho capito: una cascina per lavorare le erbe e fare dei detersivi. Purtroppo non abbiamo ricevuto finanziamenti europei, perchè negli ultimi due anni i cordoni della borsa si sono completamente chiusi. Così ho investito i risparmi di una vita in questo progetto, una cascina con basso impatto ambientale. Pensa che ci è stato consentito anche di fare un laboratorio a bordo lago. Ecco, questa è la dimostrazione che si può fare detergenza pulita, ma ci vogliono competenze e attenzione massima. Questa è l'agricoltura no-food, che non c'è. E grazie al prezioso supporto della Coldiretti noi oggi esistamo.

Ci descrivi le fasi di lavorazione?
Beh, noi oggi prendiamo le piante, le studiamo e le trasformiamo in detergenti naturali. Tutto questo ricordava ciò che facevano i contadini fino a cinquant'anni fa, quando erano autosufficienti. Prendi questa valle: è ricca di acqua e di ferro ed era totalmente autonoma, anche se la vita era pesante. Per noi è stato fondamentale recuperare il concetto di autonomia. Può anche nella quotidianità intraprendere attività che non possono ledere la natura nascendo da essa.

Il tuo ruolo nel team?
Il mio compito è quello di reperire la clientela, coprire l'ambito sia commerciale e di pubbliche relazioni. Però ognuno di noi fa dieci lavori: dalla pulizia del sambuco a quella dei campi, fino alle interviste come questa!

A proposito di rete, il tuo rapporto con le nuove tecnologie?
Conflittuale ma appassionante. La mia generazione ha abbracciato mezzi inconcepibili fino a qualche anni fa. Io per esempio odiavo il computer, non faceva parte della mia formazione. C'è voluto uno sforzo mentale enorme per entrare in questi meccanismi. L'avvento di questi mezzi ha "trimezzato" i tempi di pensiero e di azione e oggi è indispensabile correre con questi ritmi.

Come utilizzate le nuove tecnologie?
Le nostre idee da comunicare sono tantissime, ecco allora che il web e i social network sono fondamentali. Alla gente interessa sapere anche le nostre scelte di vita, non basta solo acquistare.

La vostra attività nel day by day?
Cerchiamo di impostare una vendita diretta, non siamo finiti volutamente nei circuiti della grande distribuzione del biologico, invece ci piacciono le piccole realtà che animano con entusiamo e fatica l'Italia.

Sei ottimista per il futuro?
Noi siamo riusciti ad essere quello che siamo perchè abbiamo una tenacia fuori dal comune. Anche adesso stiamo stringendo i denti tantissimo, perchè vendiamo sempre di più ma con fatturati piccoli perchè non possiamo ancora espandere la produzione. E' un momento topico.

I prossimi passi?
Stiamo finendo di ristrutturare la nostra cascina a bordo lago, abbiamo pulito e selezionato le piante con l'aiuto di esperti e della dottoressa delle scienze forestali. I contadini della zona all'inizio non capivano, abbiamo fatto tantissimo nonostante i tacchi e il rossetto!


logo camp 2018

Il libro dei wwworkers

libro1Wwworkers (Gruppo24Ore) è un manuale scritto da Giampaolo Colletti, con la prefazione di Andrea Rota (eBay) e la postfazione di Luca Tremolada (Sole24Ore).

Il libro degli artigeni

libro ArtigeniSEI UN GENIO! è il nuovo libro di Giampaolo Colletti edito da Hoepli. Racconta la rivoluzione degli Artigeni con 150 storie di artigiani e lavoratori dalle idee geniali. Acquista online

wwworkers su Metro

Metro 08062016 tagliata

Leggi gli articoli su Metro

wwworkers su Millionaire

Millionaire Giugno
Leggi gli articoli su Millionaire

I wwworkers sono raccontati su

fatto-quotidiano metro nova-24 millionaire